logo

Sentiero attrezzato "Adolfo Ferrari"


Il Gaep, nel 2004 con due anni di lavoro volontario dei suoi soci e il sostegno finanziario della Fondazione di Piacenza e Vigevano, ha realizzato un sentiero attrezzato per escursionisti esperti dotati di casco, imbrago, doppio cordino e moschettoni di sicurezza.
Il sentiero, segnalato da appositi cartelli bianco-rossi, è stato dedicato ad Adolfo Ferrari, un benemerito socio del Gaep scomparso improvvisamente il 2003.
"Aperto il sentiero attrezzato dal Gaep" Libertà - Domenica 31 Ottobre 2004 Descrizione
Difficoltà: EEA Quota partenza: 1250 Quota arrivo: 1689 Dislivello: +439, 100m. attrezzati Durata: 4:00, 1:30 per la parte attrezzata
Il sentiero
Partendo dal Rifugio si sale lungo la strada asfaltata, segnavia 015, al passo Crociglia (1468 m, ore 0.15).
Qui subito a sinistra si trovano alcune tabelle, si imbocca il sentiero 001 che sale a sinistra tra i faggi e alcune radure. Poco avanti sulla sinistra si può ammirare il panorama dei monti della testata della Val Nure, gli abitati di Pertuso e Selva; più vicino si intravede il Rifugio.
Proseguendo sul sentiero si fiancheggia a destra una recinzione con filo spinato fino ad arrivare ad un cancello dove si trovano delle tabelle con varie indicazioni (1486 m, ore 0.30).
Si supera agevolmente la recinzione prendendo il sentiero 103 che scende rapidamente nel bosco fino a raggiungere il torrente, quasi sempre asciutto che si trova sotto al roccione rossastro della Rocca Marsa.
Qui si risale qualche metro sui piani erbosi in mezzo a rocce, si raggiunge poi il pianoro, che ha origine da un lago glaciale, in mezzo a pietre di origine vulcanica sottomarina, fino a raggiungere la base della Ciapa Liscia dalla cui levigata parete rocciosa scaturiscono diversi zampilli di acqua fresca (1373 m, ore 1.00).
La Conca Tribolata
Si rientra nel bosco e con brevi e ripidi tornanti si sale ai piani della Valle Tribolata (1450 m, ore 1.30).
Qui si attraversa un paesaggio roccioso molto particolare, quasi lunare. Riprende il bosco e poco avanti si arriva all'imbocco del Sentiero Attrezzato Adolfo Ferrari (SAF), immediatamente prima dell'inizio del percorso in cresta, e stato posto regolamentare cartello che richiama all'uso delle specifiche attrezzature necessarie per affrontare il percorso indicato come impegnativo e riservato ad escursionisti esperti ed attrezzati (casco, imbragatura, dissipatore e doppio cordino con moschettoni di sicurezza). Il percorso in cresta, inizialmente privo d'ausili artificiali, presenta una notevole esposizione, s'inerpica fortemente al limitare del bosco per raggiungere in breve le formazioni rocciose salienti che sono state attrezzate con circa 200 metri di corda d'acciaio fissata alla roccia con chiodi ad espansione ed opportuni sistemi di bloccaggio.
Le difficoltà da affrontare sul percorso sono valutate tra il secondo e terzo grado per alcuni passaggi concernenti i due "gendarmi" intermedi e quello finale sul quale e stata posta la targa di dedica (1640 m).
cartello
Durante tutto il percorso, lo sguardo spazia fra la sottostante Valle Tribolata e I'abitato di Torrio fino ai lontani ma visibilissimi paesi della Val d'Aveto; sono perfettamente individuabili tutte le cime appenniniche verso nord situate alle spalle del più vicino Monte Crociglia.
L'intero percorso di cresta supera un dislivello di 200 metri e termina al Prato del Pero immediatamente sotto la vetta del Monte Roncalla a m 1665 (tempo di percorrenza del SAF circa 1 ora - dalla partenza ore 2.30).
La più logica via di discesa e quella che percorre la cresta della Ciapa Liscia e da qui si prende il sentiero a destra 197A, lasciando il 197 consigliato solo ad escursionisti esperti (EE).
Più in basso il sentiero si innesta sullo 001, da tenere girando a sinistra (ore 3.15).
Attraverso le boscose pendici nord del Monte Le Groppe si rimonta al bivio per la cresta della Rocca Marsa.
Qui, piegando a destra, si rientra al passo Crociglia (ore 4.00). Lungo la strada asfaltata, segnavia 015, si rientra al Rifugio.

Stampa  Versione stampabile
L'Altimetro segna zero
"L'Altimetro segna Zero"
Christian Roccati Guida alle scalate e ferrate in Liguria.
Dall'Appennino alle Alpi Monte Roncalla (1665 m) per la ferrata Adolfo Ferrari rel="lightbox" (GAEP 2006)

http://www.christian-roccati.com/
https://m.facebook.com/profile.php?id=157237931028296&_rdr
Quotazero.com
Anello del Groppo Rosso
Roncolungo, Valle tribolata, Ciapa Liscia, Monte Roncalla, Groppo)
Una giornata attraverso una zona geologicamente molto particolare, con un occhio di riguardo alla flora e la fauna del luogo.