Close

Questo sito utilizza cookie. Può leggere come li usiamo nella nostra Privacy Policy.




Il G.A.E.P. è nato dalla passione per l'esplorazione della natura di un gruppo di poche persone: con il tempo, le persone sono cambiate, ma lo spirito è rimasto lo stesso.
L'origine del G.A.E.P. è riassunta in un articolo pubblicato nel 1947 sul quotidiano locale di Piacenza.
Alla voce "Consiglio Direttivo" è possibile consultare l'elenco degli attuali componenti del Consiglio del G.A.E.P.
E' un'associazione (vedi Statuto) senza scopo di lucro, formata da persone che amano la montagna e le escursioni.
La progettazione di queste ultime è sempre puntigliosa e accurata: nel programma dettagliato è possibile trovare anche il grado di difficoltà e impegno richiesto da ogni escursione.
Il G.A.E.P. ha un recapito, una sede "cittadina" e una sede "montana": l'esatta ubicazione e gli estremi per contattare l'associazione sono riportati nei "Contatti".
Nel sito sono presenti anche informazioni riguardanti il Rifugio Vicenzo Stoto e il suo Regolamento: per ulteriori informazioni sulla disponibilità delle stanze non dovete fare altro che contattarci.
Vi aspettiamo in vetta.





IN EVIDENZA
latovest

latonord
Rifugio webcam lato nord
----------------------------
meteo
----------------------------
Lunga Marcia
Tre percorsi non competitivi:
33 km-Lunga Marcia
25 km-Marcia intermedia
11 km-Marcia di montagna
[info e iscrizioni]
Iscrizioni online chiuse il 18.05.18

Trail
----------------------------
video
Grazie!!! a Giovanni e Michela per questo stupendo video che offre una panoramica di tutta la Lunga Marcia
----------------------------
Davide Chiesa
Grazie!!! a Davide Chiesa, socio onorario GAEP, che ha portato il nostro gagliardetto sulla cima più alta del mondo
----------------------------
Uomo Gaep 2017
Uomo GAEP
CamminaGaep 2018
Programma serate 2018


ARCHIVIO
VEDI ANCHE

Facebook
mail Informazioni
mail Informazioni e iscrizione escursione
mail Informazioni e prenotazione Rifugio
mail Informazioni Lunga Marcia



PROSSIMI APPUNTAMENTI

Escursione
7 ottobre
Veneto - Monti Lessini   E
LessiniQuesto lungo e affascinante itinerario permette di godere di tutte le peculiarità che l'alta Lessinia può offrire; dallo storico rifugio Podestaria si sale al bivio delle Scortigare affiancando i ruderi della vecchia caserma della Finanza e si inizia a scendere verso Nord superando malga Gasparine di mezzo per arrivare a malga Scortigara di cima in territorio trentino. Superato il caratteristico baito si scende lungo la strada militare per arrivare all'Aguz, l'asperità più settentrionale della Lessinia centrale dove è facile avvistare i camosci e dove sono presenti resti della Grande Guerra.L'itinerario prosegue attraverso boschi e radure verso le Scortigare di fondo e malga Foppiano,un vero balcone verso le Alpi centrali.Da qui si raggiunge malga Castelberto ed il rifugio omonimo sui ruderi di un vecchio edificio militare da cui si gode di una vista mozzafiato a 360° su Alpi,Prealpi, Pianura Padana ed Appennino settentrionale. Il ritorno verso Podesteria ci fa toccare le dolci vallette dei Cordoni e le malghe Boaro,Costeggioli e Cornicello.
Tempo di percorrenza 5 ore - Dislivello +/- 600 m
Escursione
21 ottobre
Toscana - San Gimignano e Volterra   T
San GimignanoSan Gimignano, la città delle belle torri, anzi delle numerose torri. Sono tantissime!! Che meraviglia!!! Ma lo stupore continua e così la commozione quando si passa per una delle porte che si aprono nella duplice cerchia delle mura e ci si incammina per le strade silenziose alle quali fanno ala vetusti edifici. Non mancano piazze: un vero incanto, con il loro rosso pavimento a mattoni disposti a spina di pesce. E poi c'è il Duomo, chiamato Collegiata fine XII secolo e il Palazzo del Popolo. Ma l'incontro più suggestivo in questa zona è quello con Volterra, la città che si eleva sopra il desolato paesaggio delle "Balze" (gigantesca voragine), sopra quelle alture che dividono la valle della Cecina dalla valle dell'Era. Anche qui vetusti palazzi, splendide chiese, strade etrusche con caratteristiche botteghe e uomini impolverati di bianco che sembrano mugnai. Invece sono gli artigiani che lavorano l'alabastro e lo trasformano in preziose e graziose  statuette. L'alabastro era già sapientemente lavorato 2500 anni or sono! Il viaggio può terminare con un rapido giro nella zona mineraria delle Colline Metallifere.