logo
Home
Escursioni
Serate
Fotogallery
Lunga Marcia
Contatti

CAMMINAGAEP 2023

Legenda difficoltà
Iscrizione
Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Settembre Ottobre Novembre Dicembre
GENNAIO
15
EAI
Ciaspolata al Rifugio GAEP (Roberto)
Fiduciosi in buone nevicate nel nuovo anno che ci assicureranno una splendida escursione con le ciaspole sul nostro Appennino nelle vicinanze del Rifugio, che fungerà da punto di appoggio.
Con ai piedi le racchette da neve ("ciaspole"), oltre a poter godere di panorami e scorci eccezionali durante l’escursione, si effettua anche un validissimo allenamento, visto l’impegno richiesto ai diversi gruppi muscolari utilizzati. Si può praticare a qualsiasi età, adattando il ritmo dell’escursione al proprio passo.
ciaspolata
FEBBRAIO

04-05

EAI

Ciaspolata al chiaro di luna al Rifugio GAEP (Francesco – Roberto R.)
Il 5 febbraio sarà luna piena. Il chiaro di luna con la sua pallida luce rende irreali le forme della natura. Escursione notturna con le ciaspole o con i ramponi in base alle condizioni di innevamento. Previsto l’arrivo il sabato pomeriggio in Rifugio, con mezzi propri.
Ciaspolata notturna, cena in compagnia e pernottamento in Rifugio, previa prenotazione.

il Rifugio

19
T/E
Visita alla Azienda Agricola Montesissa Francesco s.s. (Roberto)
Faremo una breve escursione in Val Chero per poi andare ad incontrare il nostro Socio Roberto Montesissa in questa valle, a pochi chilometri dal borgo medioevale di Castell’Arquato e da Velleja Romana nel cuore del territorio collinare di Travazzano, dove la sua famiglia coltiva vigneti in località Buffalora, Costa e Case Ronchi. L'azienda si estende per una superficie di trenta ettari di proprietà e dieci ettari in gestione affitto, in Val Nure. Roberto ci ospiterà facendoci visitare l’Azienda.
Montesissa


https://www.vinimontesissa.it/
MARZO

05

EAI

Piemonte-Alta Val Susa-Rifugio Capanna Mautino (Piero–Roberto R.)
Escursione con le ciaspole in Alta Val di Susa, sui Monti della Luna. Partendo da Bousson, in 2,5 ore di cammino arriveremo al Rifugio Capanna Mautino, di proprietà dello Ski Club Torino, il rifugio si trova nei pressi del Lago Nero.
Tempo di percorrenza andata e ritorno dal Rifugio: 4/5 ore – Dislivello +/- 680 m
Tempo di percorrenza da Bousson a Claviere: 6,5 ore – Dislivello +850/-540 m
CapannaMautino


https://www.capannamautino.it/

19

E

Liguria - Sentiero V.A. 9ª tappa: Le Cinque Terre (Lamberto – Roberto)
Siamo alla penultima tappa del Sentiero Verde Azzurro che partiti da Genova ci porterà in novembre a Porto Venere. Questa tappa percorre il sentiero più conosciuto della Liguria, percorso ogni anno da una moltitudine di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Non solo tedeschi, ma anche francesi, russi, americani e persino australiani. Tanta fama è dovuta alla peculiarità dei posti, che se in passato sono rimasti quasi isolati dal resto del mondo, ora hanno fatto di questo loro isolamento un punto di forza.
Tempo di percorrenza 5 - 6 ore - Dislivello + 520 / - 520 m
Porto Venere
APRILE

02

E


Appennino piacentino tra Val d’Arda e Val Nure (Furio – Giancarlo)
Da Morfasso al Passo delle Pianazze. Escursione che salendo in Alta Val d’Arda percorre una parte della Vialonga n. 2 – Costa della Strinata – Passo Linguadà per giungere al Passo delle Pianazze
Tempo di percorrenza 5 ore - Dislivello 565 m

Pianazze

22-23-24-25


Quattro giorni tra Umbria e Marche
Saremo accompagnati dalla guida ambientale escursionistica Antonello Lezziero esperto dei luoghi.
La proposta di massima sarà la seguente:
    G1 - La natura selvaggia del Parco di Monte Cucco
    G2 - Gualdo Tadino: natura eremi e storia millenaria
    G3 - Gubbio e gola del Bottaccione: scoprendo storie umane e extraterrestri   
    G4 - Monte Subasio (il monte di Assisi), passando per l'eremo delle Carceri
Montecucco
MAGGIO

1

T

+

E

Alta Val Nure - Rifugio Vincenzo Stoto – Festa di Primavera
Appuntamento tradizionale al Rifugio V. Stoto - Dogana del Crociglia. 
PROGRAMMA:
ore 9.00 Accoglienza e partenza per escursioni libere 
ore 12.15 S. Messa 
ore 13.00 Ristoro per tutti
Festa di primavera

14

T/E

Liguria – Promontorio di Lerici – Montemarcello (Andrea – Francesco)
Sul bel promontorio che divide il Golfo dei Poeti dalla valle del fiume Magra vi sono vari itinerari che permettono di raggiungere borghi caratteristici, come Montemarcello, Tellaro, e altri posti meravigliosi.  Partendo quindi da Bocca di Magra si può salire a Montemarcello e al panoramico Monte Murlo. Da qui si scende al borgo di Tellaro, che si affaccia sul mare, per poi raggiungere il bel paese di Lerici.
Tempo di percorrenza 5 ore - Dislivello in salita circa 500 m. 

Montemarcello

28
E
51a Lunga Marcia in Alta Val Nure
Immancabile appuntamento per la più rinomata marcia non competitiva piacentina; tradizionale escursione nella natura con tre percorsi sull’alto crinale tra Val Nure e Trebbia con arrivo sempre al Rif. Vincenzo Stoto:
Lunga Marcia in montagna 33 Km - Partenza dal Passo del Cerro (Bettola)
Marcia in montagna 25 Km - Partenza dal Passo della Cappelletta (Farini)
Marcia in montagna 11 Km - Partenza dal Passo del Mercatello (Ferriere)
Non è una gara è un invito a camminare per i monti nel rispetto dell’ambiente
LungaMarcia
GIUGNO
2-3-4

T/E


Friuli  (Carlo - Ornella)
Aspro e suggestivo, il Carso Triestino è un altopiano roccioso dalle ampie voragini sotterranee, dove l'uomo ha saputo costruire e coltivare in sorprendente armonia con la natura.
Siamo in Friuli-Venezia Giulia e le cose da visitare nel Carso sono molte, a cominciare dalle bellezze paesaggistiche e naturali, per continuare con le testimonianze storico e artistiche.
L'itinerario si svolge sul margine del grande altopiano del Carso, immane e brulla distesa rocciosa, in cui le acque meteoriche si inabissano in doline e caverne. Il suo interesse è dato, dalla singolarità del paesaggio, dalle non poche memorie della Grande Guerra qui sanguinosamente combattuta. Inoltre, una delle cose in più del Carso, è che custodisce un mix unico di influenze mitteleuropee, balcaniche e mediterranee. 
Carso triestino

18
E
Valle d’Aosta - Traversata Valle d’Ayas – Gressoney  (Roberto)
Il colle del Rothorn è posto sulla cresta di confine tra la valle di Gressoney e la valle d’Ayas a 2689 metri ed è punto di passaggio del Tour del Monte Rosa (TMR). Lungo la salita si hanno sempre bellissime viste sul Massiccio del Monte Rosa del versante della valle di Gressoney, giunti al colle salendo lungo la spalla sud del colle il panorama sul Monte Rosa si ampia sul Breithorn, sulla punta Castore e sul ghiacciaio di Ventina; compaiono anche il Cervino, Grand
Murailles, Dent d’Herens, Cime Bianche. Belle anche le viste sulle altre vette “minori” sia della valle d’Ayas sia della valle di Gressoney.
Tempo di percorrenza 5 – 6 ore - Dislivello + 1000 - 1052
Gressoney

LUGLIO

02

E/EE

Vallesinella  (Carlo - Marco)
Escursione alle Cascate di Vallesinella e al Rifugio Tuckett.
La splendida escursione circolare ai piedi delle Dolomiti di Brenta, nei pressi di Madonna di Campiglio, porta dalle Cascate Alte di Vallesinella ai rifugi Casinei, Tuckett e Quinto Sella.
Per chi vorrà: sarà possibile percorrere la Via ferrata SOSAT - Il sentiero Sosat è un percorso attrezzato, che si snoda tra la quota di 2200 m e 2540 m attraverso le cenge del Gruppo di Brenta sul versante orientale. Si tratta di una via ferrata, che fa parte della famosa Via delle Bocchette.
Vallesinella


https://www.rifugio-tuckett.it/it/

16

E

Orobie Diga del Gleno e visita alle miniere di Fluorite (Roberto - Giancarlo)
100 anni fa la Diga del Gleno crollò: era il 1° dicembre 1923: un disastro che segnò profondamente la memoria collettiva e il paesaggio della Val di Scalve.
Il commercio dei metalli in Valle di Scalve ha origini antichissime, che si perdono nei meanedri della storia ma sappiamo con certezza che l’attività ha assunto una portata rilevante nel periodo della dominazione romana. Tutta la Valle era coinvolta, ma in particolare l’abitato di Colere, il più antico nei dintorni, rappresentava il centro per l’estrazione di Fluorite.
Il Sig. Piero ci accompagnerà alla visita all’interno delle miniere ormai inutilizzate.
DigaGleno

29-30
E/EE

Cortina Tofana di Rozes (Carlo - Marco)
Percorso adatto a tutti che parte dal rifugio Dibona, uno dei rifugi storici di Cortina e porta al rifugio Lagazuoi: la terrazza panoramica più alta di Cortina d'Ampezzo.
Primo giorno: dopo essere arrivati al Dibona se ci permettono di avere già gli alloggi ma comunque in qualsiasi caso concluderemo la giornata con la salita al Rifugio Giussani sotto alla Tofana Sarà un’andata e ritorno sullo stesso percorso di circa 2 ore 2,5. Che sarà il sentiero che chi il giorno successivo farà la ferrata lo riutilizzerà.
Secondo giorno: si parte presso il Rifugio Dibona a quota 2040 m la strada militare sterrata, costruita dall’esercito italiano durante la Grande Guerra, che sale con un paio di tornanti verso la grandiosa parete della Tofana di Rozes. Con il sentiero Cai 224 che sale a Passo Falzarego per uno sviluppo di 1,6 km: dislivello positivo di 140 mt percorso in circa 50 minuti. Il sentiero percorre tutto il pianoro (Pian dei Menis) per poi salire fino al rifugio Col Gallina. In breve, si arriva a Passo Falzarego a quota 2109 slm, pronti per salire o con la funivia. Oppure nel ghiaione al rifugio Lagazuoi (quota 2752 slm)
Rifugio Dibona


https://cortinadelicious.it/IT/s16-tipo-3-Rifugio-Dibona
SETTEMBRE

3

T/E

Rifugio Pietra Verde (Roberto - Giancarlo)
Gli amici dell’associazione “La Pietra Verde A.P.S.” ci accompagneranno in una bella escursione nei loro territori con tappa presso il loro Rifugio escursionistico “Piani di San Lorenzo”, un’incantevole struttura posizionata a 1.101 m s.l.m. nel versante nord-occidentale del Monte Giarolo in val Borbera nel comune di Cantalupo Ligure.
Tempo di percorrenza andata e ritorno 4/5 ore - Dislivello +/- 400 m
Piani San Lorenzo


https://www.lapietraverde.org/rifugio.html

24

E


 

Alpi Liguri - Alta Valle Pesio – Marguareis (Andrea – Francesco)
Il nostro itinerario si sviluppa nella zona delle Alpi Liguri che sono il tratto iniziale delle Alpi stesse e ne costituiscono la terminazione meridionale di quelle occidentali. Sono poste a cavallo fra Piemonte, Liguria e Francia (Dipartimento delle Alpi Marittime), e la loro montagna più elevata è il Marguareis.
Tempo di percorrenza 5/6 ore - Dislivello 900 m

Marguareis
OTTOBRE

8

T/E

Trentino escursione e Visita alla distilleria Marzadro (Roberto - Giancarlo)
Escursione Fungo di Albaredo – Dinosaurus steps Itinerario ad anello da Lizzanella.
A seguire visita alla distilleria Marzadro, un’ospitalità tutta trentina quella della Famiglia Marzadro, che assieme ai suoi collaboratori ci accompagnerà alla scoperta del più tipico distillato d’Italia: la Grappa. All’interno lo spettacolo degli alambicchi in rame, il silenzio delle sale d’invecchiamento dove la Grappa riposa per anni, le sale dedicate alla degustazione guidata ed infine il punto vendita dove sarà possibile scegliere un ricordo da condividere con le persone più care.

  Marzadro


https://www.marzadro.it/

29

E

Santuario della Madonna della Corona (Andrea – Francesco)
Meta di pellegrinaggio ormai da secoli, lo si può raggiungere a piedi attraverso un sentiero che parte dal piccolo paese di Brentino Belluno e che sale immerso nel bosco con un dislivello di circa 600 metri, con oltre 1.500 gradini e in due ore di cammino.
Fino a pochi anni fa questo era l'unico modo per arrivare quassù. Si camminava per ore in pellegrinaggio e in preghiera, poi, con la costruzione della strada, è diventato tutto più semplice: comitive, auto, moto, selfie e droni, chi più ne ha più ne metta, possono arrivare in questo luogo magico, sospeso tra montagna e cielo.
Santuario


https://www.madonnadellacorona.it/
NOVEMBRE

10

T

+

E

Alta Val Nure - Rifugio Vincenzo Stoto – Raduno degli Escursionisti

Classico incontro delle associazioni escursionistiche del piacentino, che si ritrovano per una escursione libera in compagnia e per un piacevole incontro conviviale. 

PROGRAMMA:

ore 9.00 Accoglienza e partenza per escursioni,

ore 12.15 S. Messa,

ore 13.00 Ristoro per tutti.

raduno

26

E

Liguria-Sentiero V.A. 10ª tappa Riomaggiore–Portovenere (Lamberto – Roberto)
Siamo nel tratto finale del Sentiero Verdeazzurro, forse uno dei più belli e panoramici dell’intero percorso. Abbandoniamo gli affollati sentieri delle Cinque Terre per ritornare ad una dimensione più tranquilla, dove la costa mostra la faccia più aspra, con versanti rocciosi a picco sul mare. Se le Cinque Terre sembravano difficili da raggiungere, la zona di Tramonti ospita alcuni paesini davvero inaccessibili, come Fossola, Monesteroli e Schiara, che radunano alcune cantine e case per le vacanze.
Tempi  5 - 6 ore  - Dislivello  + 600 / - 600 m

Portovenere
DICEMBRE

17

E

Fiaccolata Avis di Bettola  (Calamari)
Alle ore 18.00 con partenza davanti alla sede Avis in Piazza Colombo, inizia un percorso che si snoda per circa 10 - 12 Km; il ritorno è davanti alla sede Avis. Seguirà un ristoro per tutti i partecipanti per scambiarci gli auguri per le feste ormai vicine.
Fiaccolata